Caro amore mio

Caro amore mio,ti scrivo questa lettera perché vorrei voltar pagina. Non ti spaventare non è un modo furbo per dirti che è finita. Non è questo. È che io sento incontenibile il desiderio di cambiare qualcosa tra noi e in me stessa. Vorrei cambiar pagina perché la nostra storia a guardarla mi sembra un po’ troppo incasinata,scritta male,cancellata,riscritta sopra e tutta pasticciata. Mi sembra piena di macchie. Sembra un quadro di Pollock,forse anche appeso capovolto. E io non ne posso più. Così vorrei voltar pagina. Aprirne una nuova. Tutta bianca o al limite con delle belle righine sottili sottili che mi guidano la scrittura che,si sa,è la metafora della vita. Di guide ho bisogno,come ho bisogno di te altrimenti sbando,deraglio e scivolo. Ma ho bisogno anche di una pagina nuova. Bella,intonsa,immacolata e candida. Ho bisogno di candore. Una pagina bianca come la neve. Qui,mi rendo conto,cado in metafora banale. Però quando cade la neve è bella e con quindici centimetri di neve è bella anche Milano. C’è un che di purezza e sulle strade si vedono le tracce lasciate dalle macchine. Io vorrei andare in giro con te e con i pneumatici della macchina scrivere sulla neve frasi che adesso non mi vengono. Ma poi comincia il traffico e la neve sulle strade diventa fango. Come la nostra storia. Per questo vorrei voltar pagina. Vorrei una bella pagina nuova,che ci passi sopra la mano per distendere bene la carta. Dal cuore ti sale un rumorino di soddisfazione. Sta a significare la gioia di ricominciare. Perché è bello voltar pagina. Soprattutto perché la nostra storia è fatta da i miei grugniti e dai tuoi avverbi tipo vabbè o allora. Che faccio li cancello? Resetto tutto?

Caro amore mioultima modifica: 2003-10-28T10:32:11+01:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Caro amore mio

  1. Ho pensato a lungo se lasciarti un commento o meno. Alla fine lo faccio so che magari potrò darti fastidio con quello che ti scriverò ma è più forte di me. Io ho l’impressione che tu stia chiedendo a lui di voltare pagina, anche se dovresti essere tu a farlo, pichè sei tu a desiderarlo, ho come l’impressione che tu non voglia accettare le cose per quello che sono, meno che meno il suo modo di porsi. Lui forse vive nel fango e se hai bisogno di lui devi accettare il fango altrimenti cerca qualcuno che scrive sulle pagine bianche e se non l’hai trovato e non lo trovi rifletti sul perchè mai la vita ti priva di una persona del genere. Tu hai bisogno di certe cose e le vuoi da lui che forse non può e non vuole dartele. Ma non hai il coraggio di cercare qualcun’altro. Allora accetta il suo fango accetta le pagine imbrattate poichè questo è quello che puoi avere ……. fallo per te, per non soffrire, per non sognare ogni notte qualcosa che non può realizzarsi. Prova a leggerti questo libro “La bella e la bestia” 15 metamorfosi di una favola edizioni donzelli. Ci sono 15 versioni della stessa favola commentate alla fine da una psicanalista ….. forse ti può aiutare a comprendere la natura maschile. Perdonami di nuovo è stato irresistibile commentarti poichè mi sono sentito in parte toccato come maschio.

  2. Ognuno di noi, ogni tanto vorrebbe voltar pagina…a vent’anni si può, forse si deve…poi, più in là, viene il matrimonio…il bello del matrimonio è che quando vorresti voltar pagina, è più difficile…bel lo perchè così impari a voler bene a chi hai scelto, che magari è tutt’altro che perfetto, però cerca la stessa cosa che cerchi tu, un pò di bene, ogni giorno e per tutti i giorni a venire…un abbraccio, vito.

Lascia un commento