Chocolat

Oggi mi sono data alla cucina o meglio alla cioccolata.Dicono che sia terapeutica ed io ci credo…o forse è solo una scusa banale per giustificare i miei attacchi di gola e la mia pancetta in più! Ho preparato la “Torta di Vianne” del film Chocolat…ho trovato la ricetta su uno dei tanti siti in circolazione e subito carta e penna e ho preso appunti….
125 g burro, 150 g zucchero,2 uova,200 g cioccolato fondente,1 cucchiaio Cointreau…buono….,1 cucchiaio di buccia di arancia finemente grattugiata,220 g farina,2 cucchiai cacao amaro,1 busta lievito in polvere,250 ml latte…
E per la ricopertura…eh si la ricopertura è fondamentale….250 g cioccolato fondente,375 ml panna
Scendo e mi carico di buste della spesa……torno tutta soddisfatta nella mia cucina,mi armo di frusta,frustini,bilancia,mesto lo e cucchiaio ed inizia l’opera.
Monto, frullo, grattuggio,setaccio,riscaldo,g iro e rigiro, incorporo, verso,imburro ,inforno, infilo,sforno e rovescio….e poi ricopro tutto….la torta è un capolavoro per gli occhi e per il palato.La guardo,la ammiro e la consumo con gli occhi. Poi mi guardo intorno e mi ritrovo sola in una cucina disastrata.Schizzi di cioccolato imbrattano tutte le mattonelle, la panna è colata sul tavolo,il latte è caduto sul fornello,il cacao fa da tappeto al pavimento….Mi guardo intorno e mi ritrovo sola e poi il citofono….è lui…una sorpresa….proprio ORA??? Nascondo in un mobile il grembiule da guerra e vengo ad aprirti alla porta e mi tuffo tra le tue braccia.Mi dai un bacio e con le labbra prendi un pò di panna che avevo su di una guancia ed io rabbrividisco al contatto con la tua pelle fresca e profumata. Ci sediamo davanti alla mia piccola opera d’arte e tu inizi discorsi che non hanno un filo logico,che non hanno senso….mi parli di una donna,di uno sbaglio,scoppi a piangere,mi chiedi di perdonarti,mi dici che mi ami…è la prima volta che me lo hai detto….ed io mi guardo intorno e vedo una donna patetica sporca di cacao,una cucina disastrata,un uomo che piange,una torta perfetta al centro del tavolo. Ed io ti guardo,prendo la torta,inizio a ridere come una bambina,penso a quello che avrei voluto sempre fare ma mi è sempre mancato il coraggio….rimango lì ferma per un bel pò con la torta in mano a ridere e tu mi avrai preso per pazza e poi in un attimo…splash….e la torta era tutta lì sulla tua faccia e la tua faccia era così buffa. Ora sei andato via,la casa è tornata pulita ma la nostra storia è finita tra la panna ed il cioccolato ed io ho avuto cura di non lasciare macchie,di lavare via tutto,tutto lo sporco,tutto il grasso,tutto quel caos.

Chocolatultima modifica: 2004-03-23T22:43:42+01:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Chocolat

  1. oh streghina, mia chef prediletta. dovremmo chiedere a madame Vianne di rettificare la ricetta aggiungendo un distinto signore agli ingredienti base e alla lista di cose da fare questo piccolo particolare finale immediatamente successivo all’infornata. ti mando un bacio che sa di panna perchè il cioccolato lo tengo tutto per me.

Lascia un commento