Il mio senso

Non sei sfuggita al mio occhio,nonostante la quantità smisurata e colorata di persone. Ho incontrato te. Ti ho visto mentre tentavi di ballare il tuo primo tango in una notte di agosto. Ho visto il tuo cuore trafitto dall’invidia delle amiche,dalla superficialità dei primi amori,dalla rigidità di una famiglia a cui hai sempre detto no. Ho visto la prima volta che hai fatto l’amore,quel dolore sconosciuto,quella sensazione estranea. Ho visto le persone che hai amato,quelle che hai odiato…per le altre non c’è posto. Ho visto tutte le notti in cui hai urlato alla luna ciò che ti opprimeva l’anima,tutte le volte in cui hai maledetto quella noia che tanto ti affligge,tutte le volte in cui hai digrignato i denti contro l’ipocrisia. Perchè non c’è male peggiore. E quando sei stata puttana e quando raramente sei stata anche santa. E tutte le notti brave,tutte quelle sigarette che forse un giorno maledirai,tutte le occasioni perse,tutti i giorni in cui hai chiuso la finestra per non guardare fuori. Perchè il mondo fa paura a volte. Perchè sfugge il senso. Ho incontrato anche tutti i tuoi compagni di vita,anche l’unica persona a cui hai detto quella parola,si quella parolina lì. Ed ho visto la voglia nei tuoi occhi di amare. Forse è quello che cerchi. Forse il senso è tutto lì. Forse è quel quid in più che ti manca. Ma cosa vuoi che sia una canzone d’amore se non hai qualcuno a cui dedicarla.

Il mio sensoultima modifica: 2004-07-10T01:42:25+02:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Il mio senso

Lascia un commento