Ciack/2

Hai scelto. Si, hai scelto e ti sei seduto anche tu.
Mi hai raccontato di quel gioco. Quello che si faceva da bambini. Quattro sedie messe in circolo e cinque bambini che corrono intorno. Quando si fermava la musica, l'ultimo restava in piedi e veniva eliminato. A me questo gioco non è mai piaciuto. Non ho mai avuto voglia di correre ed ho sempre aspettato che qualche bambino cadesse per prendergli il posto. E non me ne vergogno. E questo gioco non è mai piaciuto neanche a te perché non sei mai riuscito a sederti.
Ed ora invece hai scelto. E ti sei seduto. Hai vinto le tue paure.
Hai incontrato una persona semplice. Dici che non sa scrivere, ma sa parlare. Fa la commessa in un grande ipermercato alle porte della città. Te la sei sposato. Naturalmente in chiesa.
Hai fatto le cose alla grande, ti sei seduto e ti sei seduto bene. Un grande matrimonio, un grande ricevimento, una casa tutta nuova con il frigorifero verniciato da poco.
Ti sei tagliato la coda e rasato la barba.
Due anni di vita normale. Classica coppia.
Ed un giorno ti sei svegliato, ti sei reso conto che tua moglie non ti guarda più negli occhi e sei precipitato in un baratro. Ti sei reso conto di aver cambiato la tua vita ma di non essere cambiato. È semplicemente tutto il contorno che non ti permette più di essere te stesso.
Ricerchi l'agendina, la tua mitica agendina.
Non sai neanche perché. E chiami lei. L'ultima. La tua ex. Si torna sempre dalle ex, certi di trovar un letto caldo in cui poter giacere. Sicuri di non esser rifiutati.
Ti risponde la madre. Non è partita. Non è mai partita. Si è semplicemente sposata con un maggiore della guardia di finanza. Attacchi e bestemmi. Si è seduta anche lei, su di una poltrona in prima fila.
Altro numero, altra corsa.
Eccola, il tuo primo amore. Una ex compagna di scuola, per cui ti sei devastato per tre anni.
Un giro di telefonate immenso, ma eccola, l'hai trovata. Solo che è a Milano ed è imprenditrice.
Ritrovi la sua voce ed i tuoi anni persi. E vai in escandescenze. Le dici che è tutta colpa sua se sei diventato un piccolo borghese fallito. Ma lei ti stupisce e vinta dai sensi di colpa, ti invita da lei.
Inventi una scusa poco credibile con tua moglie, sottrai i soldi al fondo per l'istruzione dei tuoi figli e scappi a Milano. In aereo sogni una nuova vita- lei ti proporrà di curarle degli affari in Colombia, lì ti innamorerai di nuovo, ti arruolerai nella Farc, tempo un anno entrerai vittorioso a Bogotà.
Ne sei certo e vai da lei con il miglior sorriso che sei riuscito a trovare.
E lei ti fa un pompino.
Fino a Milano per un pompino in cui si sentivano anche i denti.
E neanche un biglietto per il ritorno.
Ma un anno di straordinari assicurato.
 

Ciack/2ultima modifica: 2004-11-26T16:42:15+01:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Ciack/2

  1. evvai col dark 2! è una visione pesante… ma è la verità? o è solo quello che stiamo guardando attorno a noi? e solo un modo nostro di vedere la realtà per impedirci di sognare, con il rischio di cadere e farsi male? conitnua a piacermi quello che scrivi e come lo fai…

  2. beh… ho smesso di fumare dopo 10 anni di onorata carriera perchè era l’ora di smettere. Però ora mi rendo veramente conto quando mio padre diceva che “un fumatore è per sempre”. devo ammettere che son molto orgoglioso di averci dato un taglio…

Lascia un commento