Oasi felice

Non è forse l'amicizia la più grande possibilità per essere se stessi?
Non è forse luogo privilegiato della sospensione del giudizio?
Non è forse veicolo di parziale ma non fasulla libertà?
Oasi felice. Si, voglio chiamarla così. Ed immaginare un lago dove alberi secolari affondano le grandi radici. Lago per specchiarsi. Molti si sono seduti appena sulle sue rive e con la loro fuga hanno lasciato ombre sul fondo. Pochi sono rimasti ad offrire i loro occhi come specchio per me privilegiato. Ed è a questi che dedico il mio sfogo di una mattina fredda ma assolata. Un sole che riscalda corpo ed anima.
Perchè senza di voi, grilli parlanti, ubriaconi fradici di vita, esseri piumati dalle morbide fattezze, tossici di borgata, orecchie mai stanche, senza di voi, non sarei dove sono. Non sarei come sono. Perchè se immergi le mani nel fango della vita mai più potrai levarti di dosso quell'odore misto tra terra e sterco. Così io porto addosso il vostro profumo ed il vostro puzzo come un doppio mantello di cui vado fiera.

Oasi feliceultima modifica: 2005-02-02T13:16:42+01:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Oasi felice

  1. Nell’oasi, seduto sul bordo del lago orlato da palme che conoscono le voci di tutti i venti, ho passato ore, a guardare mutevoli riflessi di luce. Non so davvero, però, se per questo posso ambire a rientrare nel fitto campionario di freaks- grilli parlanti, ubriaconi fradici di vita, esseri piumati, tossici di borgata e orecchie mai stanche – che annoveri tra i tuoi amici… Una speranziella, a ben vedere, la concedi anche a me: vuoi che il vate(r) delle Cacas non ce l’abbia indosso, quel puzzo di cui parli?Fuor di celia, è davvero bello, questo post. La sponda s’avvicina? Bacio “odoroso” sulla punta del naso (gf)

  2. Ciao! E’ stata una vera sorpresa sapere dei tuoi silenziosi passaggi.. Non importa se non saluti, a volte le parole di circostanza possono dare più fastidio di una presenza non manifesta. Passa quando vuoi, le porte di questo castello dalle atmosfere rassicuranti, sono sempre aperte.. Un bacio. 🙂

  3. Ecco, mi piace questo passaggio e, dopo due giri di grappa moscato direi che “ubriaconi fradici di vita” mi calza a pennello :-))) Buona serata. trespolo PS: nessun problema per avere la copia completa; sto cercando, domani lo faccio parola, di mettere un link per scaricare la copia, ma ci sono anche altre vie 😉

Lascia un commento