Un idillio

Erano nudi. Oscenamente nudi. Esposti agli sguardi dei passanti. Spudoratamente in prima linea. I miei piedi. Con le unghie laccate di bianco non avevano timore di chiedere…Posso? Permesso? Prego! Loro camminavano nel fango ed erano soliti lasciarsi tutto alle spalle. Non ho mai visto dei piedi che si vergognano, che arrossiscono. Ero io che mi vergognavo, io che arrossivo. Io che non avevo tacchi alti per sedurre, né scarpe da ginnastica per fuggire via. E non ho potuto fare altro che seguirli. Ho indossato la maschera più credibile, testa alta e portamento fiero e sono andata lì dove mi chiedevano. Non è colpa mia è colpa dei miei piedi. Sono sfrontati, irrispettosi ed anche dispettosi. A loro piace affondare nella sabbia o sentire le rocce e la fatica della salita. Sento che parlano tra di loro in piena notte mentre cerco di prender sonno. Confabulano. Organizzano nuovi complotti per il giorno seguente. Altre avventure. Che altra scelta ho? Posso mai sostituirli?

Un idillioultima modifica: 2006-05-26T10:14:42+02:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Un idillio

  1. Sono dei bellissimi piedi, pieni di vita, di vigore, di coraggio. Certo che te li devi tenere, essi sostengono tutto quanto c’è sopra, un cuore che sa soffrire ed amare ed una testa brillante, che dà loro voce. Un bel trio:-) Non permettere mai che si vergognino di se stessi. Assecondali, essi sanno cosa è giusto fare. Bacio.

Lascia un commento