Solo musica

Colori, suoni, bandiere e coriandoli. Quando non c'è bisogno di andar lontano perché qualcosa di esotico c'è anche in noi. Ed è inutile prendere un aereo dimenticando tutto quello che può esistere tra un aeroporto e l'altro. Se il mondo fosse come lo vorrei costringerei chi non si è mai guardato intorno a viaggiare solo a piedi, magari in treno perché i treni e le stazioni sanno di vita. E portano al centro delle città. E regalerei aerei a chi non si è mai librato in volo perché troppo ha rotolato nel fango. Per fargli vedere il mondo da un prospettiva diversa. Perché c'è sempre un lato che non sappiamo scorgere o non siamo in grado di valutare. Non riusciremo mai a prendere in considerazione tutto. Siamo limitati. Fatevene una ragione. E pensare che su quelle piattaforme che poi arrivano al cielo vorrei ballare e suonare le nacchere. E fare talmente tanto trambusto per far volare via dalla tua mente tutto quello che non c'entra con noi. O tutto quello che con noi c'entra troppo. Perché non potrei mai costruire nulla con un uomo che ha ancora un legame quotidiano con il proprio passato. Eppure quando quel palloncino volava ho chiesto: "Non smettere". Non smettere Francesca. Non smettere neanche tu, amore. Non ho una spada per tagliare in due le corde. Ho solo la musica dentro di me per poterti trascinare via. Mi sembra così poco quando devo aspettarti sotto casa. Ed è per questo che davanti a tutto quel baccano mi sono sentita così euforica. Perché per un momento quel poco è diventato tutto. Solo musica. E non ho bisogno che mi togli i coriandoli dai capelli. Perché se potessi uscirei per la strada vestita come Arlecchino ed in quei coriandoli mi ci tufferei di testa. Per colorarmi. Perché in bianco e nero non voglio restare un attimo di più. Perché sotto le finestre non voglio restare un attimo di più. Perché ho abitato talmente tante soffitte che sono diventata famelica di aria. E di baccano. E di frastuono. Non ho paura che mi possano scoppiare i timpani. Non ho paura che mi possano scoppiare gli occhi. Ho paura di non sentire più la musica. Solo musica.

Solo musicaultima modifica: 2006-09-25T12:50:18+02:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Solo musica

  1. e leggerti è come sentire quella musica, in alcuni momenti un suono struggente di violini, in altri una ballata fatta di archi.. e minuscoli tasti di pianoforte che saltano sotto le tue dita… Scorderà mai il suo passato? Ma può un uomo scordarsi del proprio passato, quando quello ha contribuito a farlo diventare ciò che ora è ? mhm… un abbraccio cara, ciao Mai.

Lascia un commento