Un unico pezzo di tango

Guardami. Non perdermi. Stringi. Stringimi di più. Ascolta il mio ed il tuo respiro. Chiudi gli occhi. Cosa senti? La senti questa musica nell'aria? Lo so di cosa hai paura. Di perderti in queste note e di perderti dentro di me. Hai paura di camminare con me. Di spezzarti la schiena. Dei crampi alle gambe. Hai paura che i miei piedi non riescano a seguire e ad assecondare i tuoi. Hai paura che la mia schiena dritta possa nascondere un precario equilibrio. Chiudi gli occhi. Le senti le tavole sotto i tuoi piedi? Accarezza quel legno, cerca di sentirne l'odore. E senti il mio odore di femmina che ti cerca. Mi abbandono a te, ti cedo il passo, ti faccio sentire uomo. Finalmente.
Trascinami. E poi straziami. Le mie gambe sono le tue, le mie braccia sono le tue. Cosa c'è di sbagliato? È il bene ed il male, è tutto il bene e tutto il male del mondo in un unico pezzo di tango. Cosa c'è di sbagliato? C'è tutto l'amore del mondo e il dolore, la malinconia, la passione, il desiderio, la disperazione. Ci sono tutte le lacrime che da sempre trattieni, ci sono tutti i sorrisi che ti regalo. È un unico pezzo di tango. Prima che finisca la musica.
Straziami. La mia carne è la tua carne, la mia bocca è la tua bocca. Le mie cosce circondano le tue gambe. Non ti lascio andare via. Non ti lascio andare via. Ancora un minuti per noi. C'è anche il tempo di fermarsi ed ammirarsi. Anche il tempo di allontanarsi per poi riprendersi. Ma non perdermi neanche per un secondo. Seguimi e poi trascinami. E ti ubbidirò e ti disseterò e ti adorerò. Balla con me amore, balla con me. I nostri corpi impressi in questa sala, su questi muri, su questo legno, su questo specchio. Per sempre.

Un unico pezzo di tangoultima modifica: 2006-11-10T16:09:44+01:00da la23strega@v
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “Un unico pezzo di tango

  1. Ti assenti e ti fai desiderare. Ma leggendo i tuoi post, mi viene di pensare che valga la pena di attenderti, vale la pena di chiedersi che cosa scriverai stavolta, a quale corpo ti rivolgerai, quale passione susciterai. Vale la pena: l’attesa è sempre soddisfatta. Le tue parole carezzano e azzannano, sfiorano e graffiano, seccano e bagnano. Le tue parole appassionano. Se posso spingermi un po’ oltre con il linguaggio, le tue parole eccitano. Sì, è la parola giusta. E in tutti i sensi. Bentornata. Un grande bacio

  2. Questo è un tango come si deve.. Sublime unione di musica, passione e parole in questo post. L’immagine del passo fa diventare il pavimento un abisso concreto su cui posarsi, una base sopra-elevata capace di divorare il corpo infuocandolo. Molto bello. un kisso -divin@-

Lascia un commento